Pagina:Neera - Duello d'anime, Milano, Treves, 1911.djvu/193


sprezzo, nella rivolta ; e deploro con te che questa scia¬gurata cosa sia avvenuta ; e darei metà del mio sangue per distrug¬gerne fin la memoria. Ma ti prego, seguimi ora in un altro ordine di idee. Hai parlato del mio avvenire ? Si tratta appunto di ciò. Vano è pensare che cosa avrei fatto senza questa catena al piede. La catena c’è, occorre che non mi impedisca di camminare; io la schiaccierò innanzi che essa mi arresti. Comprendi nevvero ? Sai, tu che mi portasti nel tuo grembo, quale sia la forza di una ambizione che mira a tutte le altezze, che agogna a tutte le potenze : Sono l’uomo che fanciullo diceva : Post Deo, Ego. Guardami bene in faccia, mamma, e pensa, pensa, il più ardente de’ miei sogni potrebbe cadere se si venisse a conoscere che il sostenitore della morale e della famiglia ha un bastardo per il mondo. Occorre per la riuscita de’ miei progetti che la mia vita sia limpida come cristallo. Intendi ?

— Ma...

— Prevengo la tua obbiezione. Vuoi dire che non è necessario di far sapere codesto fallo. Lo si saprebbe egualmente. Nulla rimane