Pagina:Neera - Duello d'anime, Milano, Treves, 1911.djvu/191


il capo? Forse che un uomo ha l’obbligo di legarsi a vita con tutte le donne che gli si buttano tra le braccia?... Un uomo come te !... Tu hai bisogno di essere libero ; e se mai dovessi assoggettarti al giogo coniugale, quanti compensi esso deve offrirti ! Per te, per il tuo avvenire, per gli amici di cui sei faro, per tutti coloro che hanno riposto in te la fede dei loro ideali, per il mondo che ti guarda, per la gloria che ti aspetta, Filippo, mio Filippo, bada a quello che fai ! E un passo irrevocabile del quale porteresti per tutta la vita il peso e la vergogna - ed io lo schianto!

— Credi tu - disse Filippo con voce sorda - che questi ragionamenti io non li abbia già fatti? Mi hai chiesto se l’amo perchè l’odii, ed è giusto che tu la debba odiare la donna che si è posta fra me e il mio destino, che ha atterrato le tue speranze e abbattuto il mio orgoglio facendomi debole e vile. È giusto che tu la abborra la stra¬niera, l’intrusa, l’eterna nemica che sempre sta in agguato della forza virile per abbassarla al suo sesso. Maledicila, o madre.

La voce di Filippo si era fatta più cupa,