Pagina:Neera - Duello d'anime, Milano, Treves, 1911.djvu/103


un peso inesprimibile, da un ma¬lessere indefinito che la rendeva triste, che le faceva tornare a gola il sapore di ogni cibo e parer nauseabondi i più soavi profumi. Rica¬mava in quel tempo il corredo di una sposa e alla trama della lieve batista mille pensieri ella andava intrecciando che erano come spine tra i fiori del suo lavoro.

Chi più di lei aveva sognato l’amore benedetto? l’amore che gli uomini rispettano, che Dio fa santo? l’amore che dice alla donna : « Vieni, ti apro la mia casa, ti dò il mio nome, riposa sul mio cuore ». Oh ! dolcezza essere amata così e poter camminare fieramente in mezzo a’ suoi simili tenendo alta la fronte che nulla ha da nascondere !

Minna attribuiva alla stagione quella malinconia insolita, quell’insolito malessere, e ricamava, ricamava indefessamente.

— Lavori troppo - le disse un giorno la vecchia sua compagna - hai le guancie infossate, sei magra, sei livida. Gran testardaggine è stata la tua a non voler studiare quando eri in tempo. Ora faresti qualche cosa di meglio che la ricamatrice e non