Pagina:Neera - Conchiglie, Roma, Voghera, 1905.djvu/16

16 un giorno di nozze


Nell’altra stanza dove dormiva il padre, e che serviva anche da cucina, il brontolio continuava or alto or basso accompagnato da uno strascicare di ciabatte e di sputi.

— Battista! — chiamò finalmente una voce soffocata a mezzo dal catarro.

— Cosa vuoi papà?

— Dove hai messo la spazzola?

— La spazzola!... — ripetè il giovinotto, affacciandosi sulla soglia dell’uscio con un fare smemorato. — Non c’è.

— Come non c’è?

— Quella vecchia è stata abbruciata ieri, ti ricordi? che non aveva più attaccato nemmeno un pelo e quella nuova, quella nuova.

— Ebbene?