Pagina:Neera - Conchiglie, Roma, Voghera, 1905.djvu/138

138 il poeta


consegnata la mia casa potrò dire di trovarmi nudo nel mondo.

— La mia casa - pensò il poeta - moralmente è sua dunque. I miei denari l'hanno pagata, l'atto notarile me ne costituisce padrone e mi dà il diritto di mettere questo uomo alla porta; ma posso io cacciare l'anima sua?

Avevano visitato il piano superiore e ridiscendevano per la scaletta di legno.

— Questa vite — domandò il poeta levando gli occhi a guardare il pergolato — dà molta uva?

— Oh! no, signore, non fa mai niente altro che foglie.

— È buono a sapersi: così la farò sradicare.