Pagina:Muratori-Cristianesimo Felice-vol 1-1752.djvu/306

trtrliffimi, erano, d’pna grandezza e graffala upepfa . fe' ^ li pagammo folanjeqtp fai Papi Komaoi l’uno/ Che èij. prqzzò cp*reafa in sne¬ lle parti, fuorché in Bgflw/; Ayres, e frró dj- flretpo, dove co fono qgafi il doppio* Sicché-pf vepnéro à (occare quattro o cinque ,per Palfa ; proyvifioqe, fpe aPPf-n» baffo a gl’ Indiani’. per dieci o dpdici. giorni, quaqti foglioppimpiegare per fin che giuqgapo a Domenico , doye fi .provvede nuovamente di carne. imperocché chi /non ha veduto, non può* figurarti facilmente fa voracità di .quelle'genti, In quefto viaggio ho offervato la ciurma di una fealfa fofo, che fuoi’ effere di veotiqpftté? perfopp, mangiarli in are¬ no.di un giorno pn Bue beo grande * conje fe fótte un viteìletto, e non .mangiar più , perché di più non avevano. E vi affiepro, che qui un Fanciullo di dodici 9 quattordici anni mangiava fblo, quanto noti potran giugnere a mangiare .colli cinque o fai uomini di buona bocca . Co¬ me fia pou l’facendo, le non che bifogoa dire , che-etti abbisognano di molto più cibo, che gli Europei, per tepere maggior calore naturale; o ferefeé quelle carni fieno di mfoor foffanaa per¬ ché é certo,, che col rjesnpirG tanfo che fanno pape che non patifeano giammai 'fadigeftioné o oftruzione di ftomaco ; come fuccede Tra noi , ouan4° 0 mangia più fai bifogno; e pu,r tutti fonmagri. Aggiugnete la maniera, con cui man¬ giano la fuddetu carne?, Ammazzano una vac¬ caio pn toro; c mentre quefti lo fermano, al¬ cuni lo fcopticano, ed alt?1 1° fquartano : ficchi in un quarto d’ora fé ne portano i quarti alfa Balfa. Quivi pretto, cioènella fpiaggia, accen¬ dono un gran fuoco, « epa rami d'albero fi fofc- «nano cadauno il fuo fpiedo , in cui' infilzadp T 4 tre