Pagina:Muratori-Cristianesimo Felice-vol 1-1752.djvu/26


Del Paraguai. 15

la antiche carnificine, non desisterono già da lì innanzi altre avanie a i sottomessi Popoli, che a suo luogo accenneremo.


CAPITOLO III.

Delle Provincie del Paraguai.


LAsciando ora andare tutti i paesi conquistati ed abitati da gli Spagnuoli al Ponente, da i Portoghesi al Levante nell’America Meridionale, debbo ora dar contezza del paese di terraferma, posto fra quelle due dominanti Nazioni, e nel cuore di essa parte del Mondo terraqueo. Comanda la Monarchia di Portogallo a tutte le coste maritime del Brasile, e pretendeva una volta di stendere il suo dominio fino al Rio della Plata, o vogliam dire al Fiume del Paraguai. Ma queste lor pretensioni da gran tempo in qua sono state ristrette da gli Spagnuoli: sicchè di presente la lor signoria non passa il Capo di S. Vincenzo posto sotto il Tropico del Capricorno. Tutto quel tratto di costa maritima, che da esso Capo si stende fino alla sboccatura d’esso Rio della Plata, si conta da gli Spagnuoli per paese di lor giurisdizione, tuttochè su quelle coste non avessero in addietro fissato il piede con qualche Colonia. Anzi, siccome dirò più a basso, è riuscito a i Portoghesi di piantare un Forte nell’Isola di San Gabriello, verso dove esso Rio della Plata si scarica in mare; e giacchè so che lo possedevano nell’Anno 1730. è da credere, che ne sieno padroni tuttavia. Partendosi dunque dalla parte Orientale di questa America, signoreggiata da i Portoghesi, i quali, come dicemmo, si contentano delle coste maritime senza inoltrar-