Pagina:Muratori-Cristianesimo Felice-vol 1-1752.djvu/153

imparato a filare, tettare , cùcire » ©.tagliar tó veliti. Ognun orò raccogliere Bambàgia fui .Tua, e farne teje. Altre ancora ne fabbricàoòcolla-la¬ na dell© lor. pecore. Gli uomini poi fon quelli y che fanno il meftier de’ Teffitori per fervi già del Pubblico ; ficcomé diremo; IriEtì&pi per un pu¬ gno di terra fi fa alle pugna: Ivi.fi cerca a chi dgrne ; .affinchè fo coltivi, e ne fopravanaa ad ognuno. r -

Sécondtì iì parete «i. que’ Miflionarj, ne i Cri- jtignijdel Paraguai fi truoVa ua’inteudiméntoaf- foi riftréttO) ed incapace di fpeculàiiooe , di mo¬ do eh© ji fogliono chiamar Rombiti coffa bomba Non é quefto un picciolo. requifitoper poterli governare con facilità ; Tuttavia, può metterli io dubbio , fo qqeftà. durezza de’ loro Intelletti fia un difetto particolare del temperamento di quelle Nà?ioo» *0 pure un’ accidentale effetto delia loro educazione :.Anche delle Nazioni Io- diane del Canadà neir America Setteritrioriale, e delle barbariche dell’ Affrica alcuni Miflionarj forivorio.» ettèr quelle *geriti ftupide -, di cervello groflqlano ; e poo atte a bea penfare e riflette¬ re fuile cole: Non sé-dà. quetarfi a sì fotti giu¬ dizi. 1 più de gli.Americani del Paraguai alerà, vita non menano; altro meftferenop farina, che quello de’ contadini. Europei . là maggior parte de’ quaiì sella pianura . noi offeeviamb zotica y i dira di cervello, e feiripHce , imperi 1’.ordinar: ) rio di buoni còftùmi , appunto perchè fenza ma- , lizia, e pprché nati .pràtica co' i cattivi -, e at¬ tende r i tuoi lavorieri, allevata ìit una pov'et- t faticela • E pure irt( quelli mede fimi elimina^ frano, tanti felici ingegni » fia nelle Gttà , fia ne/ territori , e fpeziabuente dove V aria è più jote-A fi Cottile; che applicati alle Arti, alle Scien¬ ze ,