Pagina:Muratori-Cristianesimo Felice-vol 1-1752.djvu/132


Del Paraguai. 121

, Del Paraguai. 121 fluii, che truovino alle ripe e nelle Ifole de ' gran Fiumi, e maflìmamente de) Piarne Tara. guai, che in loro Linguaggio lignifica appunto Fiume di penne a- cagion de i molti e Angolari Uccelli, che ivi fi vedono , grandi. e piccioli,, veftiti di leggiadrifiìme penne e piume. Quelli, legatili con uno fpago al piede, li falciano pen¬ denti in aria , ficchè Svolazzando da un ramo all’altro portano far pompa de i loro colori. A* fianchi poi delle ilrade pongono Tigri e Lioni piccioli, ed altre Fiere, tutte nondimeno ben le¬ gate, .in maniera che non portano far danno, o dilhirbar la funzione : e quella per loro è una fpecie .di gran magnificenza, pella guifa che an¬ che in qualché Città d’Italia, li coftumava una volta di tener Serraglio di tali . beftie feroci-. Nello ileilo tempo ancor le Donne s’occupano a lavorar di farina di frumento o frumentone certe focaccie, tortioni, ed altre manifatture cu- riofe, cotte nel forno, le quali o fi vanno ri¬ partendo ne gli Archi, o le fanno fervire io luogo di tapezzerie. Perciocché raunate quantp forte d’erbaggi da orto, e di quelle frutta, che. produce il paefe, le unifcono con quelle ; ed in¬ trecciatele a guifa di Trionfi e felloni , appen¬ dono tutto alle pareti con vaghiflimo ordine e -diltribuzione. Sulle ftelTe paréti, ancora llendor no alcune lor coperte delicatamente, lavorate con piume ,di varj colori bea compartii che fanno un bellilfimo vedere. Il pavimento. p?ì vien tut¬ to ricoperto di ftuore r e feminato.d) fiori e dj erbe odorofe ; e quello tutto coroparilce mirabile mente, perchè offendo le. Ilrade diritte,, larghe..^ ed. uguali, fembrano appunto tanti vaghi e, ben inteli teatri. £’da chiedere a gli EuropeiP s’erti ne fanno altrettanto. Soliti fqno ancorala ffen? ! ’ deré