Pagina:Muratori-Cristianesimo Felice-vol 1-1752.djvu/124


Del Paraguai. 113

Del Paraguai. 11-3 fio fopra di chi non olferva il dovuto filénztft e rifpetto . La feconda più addietro è quella de' Giovani, cuftoditi anch effi da altri Zelatori più attempati. La terza è de gli Uomini d* ogni età, e dietro ad effi invigilano parimente alcuni Vec¬ chi più venerabili. Lo fletto rito fi offerva nell’ altra parte delle Donne , divife anch’ ette colla mede/ima proporzione e fito in tre- claffi di Fati- ciulline, Zitelle, e Donne attempate ; e dietro a ciafcheduna prefiedono nella maniera fuddetta altri Zelatori , che patteggiano tra l’una claffi: e l’altra per quell’ adito, che vi fi lafcia , che ferve di divifione, e infieme di ftrada alle Por¬ te laterali . Per quelle Porte entrano immedia¬ tamente dal canto loro gli Uomini, e dall’ altro le Donne, pattando immediatamente alle lor claf¬ fi , fenza pericolo , che quei d’una riattò andan¬ do al loro pollo difturbmo quei dell’ altra , o che gli Uomini fi framifchino colle Donne. Que¬ fto bell’ ordine sì rigorofamente vien’ ottervato, che non ardirà un’ Uomo d’ entrare per la mc- defima Porta , per dove paifano le Donne . E fe a cafo talun mancaffe, ufcito ch’egli è di Chie¬ fa , ognun gli dà la baja , come ad uno fcimu- nito, che non fa fare unacofa a. dovere; cquan¬ do poi vi fi fcopriffe della malizia , il galtigo farebbe pronto. Per òffervar diltribuzione sì regolata, è necef- fario fabbricar le Chiefe affai grandi , come fo¬ no in fatti, benché a proporzion della grandez¬ za riefcano baffe, perché adoperando effi colonne di legno tutte di un pezzo, non poffono alzare il tetto a proporzione della lunghezza e larghez¬ za dell'edificio . Rifpetto nondimeno alle Cafe, che tutte fono d’up piano folo, per lofoprafta- re di gran lunga ad effe, vengono a parere mae- Tartc I. H ftofe