Pagina:Monete dei romani pontefici avanti il mille.djvu/132