Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. IV, 1914 – BEIC 1885923.djvu/227


atto terzo 221


Demetrio. Tutto oserò: son disperato e figlio. (parte)

Ismene. Funesto ad Alessandro
quell’impeto esser può. Che! per l’ingrato
giá palpiti, o cor mio?
Ah, per quanti a tremar nata son io!
          Che pretendi, Amor tiranno?
     a piú barbari martiri
     tutti or deggio i miei sospiri;
     non ne resta un sol per te.
          Non parlar d’un incostante:
     or son figlia e non amante;
     e non merita il mio affanno
     chi pietá non ha di me. (parte)

SCENA III

Gabinetto con porte che si chiudono, e spazioso sedile a sinistra.

Alessandro e Clearco.

Alessandro. Dunque l’offerta pace

Antigono ricusa? Ah! mai non speri
piú libertá.
Clearco.  Senza quest’aureo cerchio,
ch’io rendo a te, non s’apriran le porte
del carcer suo. (porgendogli l’anello reale)
Alessandro.  Da queste mura il campo
o Agenore allontani, o in faccia a lui
Antigono s’uccida.
Clearco.  Io la minaccia
cauto in uso porrò; ma d’eseguirla
mi guardi il ciel: tu perderesti il pegno
della tua sicurezza. Assai piú giova
che i fervidi consigli,
una lenta prudenza ai gran perigli.