Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. IV, 1914 – BEIC 1885923.djvu/205


atto primo 199


SCENA XI

Berenice, Clearco, guardie; indi Demetrio.

Berenice. (Da tai disastri almeno

lungi è Demetrio, e palpitar per lui,
mio cor, non dèi.)
Demetrio.  Del genitor la sorte,
per pietá, chi sa dirmi?... Ah! principessa,
tu non fuggisti?
Berenice.  E tu ritorni?
Demetrio.  Invano
dunque sperai... Ma questi
è pur Clearco. Oh quale incontro, oh quale
aita il ciel m’invia! Diletto amico,
vieni al mio sen...
Clearco.  Non t’appressar: tu sei
macedone alle vesti; ed io non sono
tenero co’ nemici.
Demetrio.  E me potresti
non ravvisar?
Clearco.  Mai non ti vidi.
Demetrio.  Oh stelle!
Io son...
Clearco.  Taci, e deponi
la tua spada in mia man.
Demetrio.  Che!
Clearco.  D’Alessandro
sei prigionier.
Demetrio.  Questa mercé mi rendi
de’ benefizi miei?
Clearco.  Tu sogni.
Demetrio.  Ingrato!
La vita, che ti diedi,
pria vuo’ rapirti... (snuda la spada)