Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/78


72 VI - SEMIRAMIDE
SCENA VII
SlBARI. L’accortezza che vai, se, ognor con nuovi
impensati accidenti,
la fortuna nemica
d’ogni disegno mio le fila intrica?
Tutto ho tentato invano:
vive Scitalce, e sa la trama Ircano.
Ircano. Vieni, Sibari.
SlBARI. E dove?
Ircano. A Tamiri.
Sibari. Perché?
Ircano. Voglio che a lei
discolpi il mio rifiuto.
Sibari. Il tuo pensiero
come appagar?
Ircano. Con palesarle il vero.
Sibari. Il vero !
Ircano. Si: tu le dirai ch’io l’amo;
fu d’apprestarlo; e che dai detti tui
l’inganno a favorir sedotto io fui.
Sibari. Signor, che dici? E pubblicar vogliamo
un delitto comun? Reo della frode
saresti al par di me. Fra lor di colpa
Ircano. D’un desio di vendetta alfìn Tamiri
mi creda reo, non del rifiuto, e sappia
perché la ricusai.
Sibari. Troppo mi chiedi:
ubbidir non poss’io.
Ircano. E ben! taccia il tuo labbro, e parli il mio.
(in atto di partire)
Sibari. Senti. (Al riparo!) Il tuo parlar scompone
un mio pensier, che può giovarti.
Ircano. E quale?
Sibari. Pria che sorga l’aurora, io di Tamiri
possessor ti farò.