Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/335


ATTO PRIMO 329
di que’ sguardi fallaci
venga a mirar, (nel partire, si ferma vicino alla scena
e guarda con meraviglia Issipile)
Issipile. Perché mi guardi e taci?
Giasone. Ti vo cercando in volto
di crudeltade un segno,
ma ritrovar noi so.
Tanto nel cor sepolto
un contumace sdegno
dissimular si può! (parte)
SCENA XIV
Issipile ed Eurinome.
Issipile. Udisti? Oh Dio!
Eurinome. Non sospirar, ché perdi
tutto il merto dell’opra; e fanno oltraggio
quei segni di rimorso al tuo coraggio. (parte)
Issipile. Dal cor dell’idol mio
un error, che m’offende,
si corra a dileguar. No. Prima il padre
dal periglio si tolga, e poi... Ma intanto
m’abbandona Giasone. Ah! quel di figlia
è il più sacro dover. Si pensi a questo,
e si lasci agli dèi cura del resto.
Crudo amore, oh Dio! ti sento:
dolci affetti lusinghieri,
voi parlate al mesto cor.
Deh ! tacete. In tal momento
non divido i miei pensieri
fra l’amante e ’l genitor. (parte)