Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/33


ATTO SECONDO 27
Semiramide. (Io lo previdi.)
Mirteo. (Oh sorte!)
Scitalce. (Ah, qual impegno!)
Si bari. (Or s’avvicina a morte.)
Ircano. Via, Scitalce, che tardi? Il re tu sei.
Scitalce. (E deggio in faccia a lei
annodarmi a Tamiri?)
TaMIRI. Egli è dubbioso ancora, (a Semiramide)
Semiramide. Alfin risolvi.
Scitalce. E Nino
10 comanda a Scitalce?
Semiramide. Io non comando:
fa’ il tuo dover.
Scitalce. Si, lo farò. (L’ingrata
si punisca cosi.) D’ogni altro amore
mi scordo in questo punto...
(volendo bere, ma poi si arresta)
(Ah, non ho core!)
Porgi a più degno oggetto
11 dono, o principessa: io non l’accetto.
(posa la tazza sopra la mensa)
Tamiri. Come!
Sibari . (Oh sventura!)
Ircano. (a Scitalce) E lei ricusi, allora
che al regno ti destina?
Non s’offende in tal guisa una regina.
Semiramide. Qual cura hai tu, se accetta
o se rifiuta il dono? (ad Ircano)
Mirteo. Lascialo in pace.
IRCANO. (a Semiramide) Io sono
difensor di Tamiri; e tu non devi (a Scitalce)
la tazza ricusar: prendila e bevi.
Tamiri. Principe, invan ti sdegni: ei col rifiuto (ad Ircano)
non me, se stesso offende,
e al demerito suo giustizia rende.
Ircano. No, no; voglio ch’ei beva.