Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/304


298 IX - DEMETRIO
Alceste. Sorgi ! Che dici ?
Mitrane. Oh generoso !
Fen;~- - Alfine
riconosci te stesso. In te respira
di Demetrio la prole. Il vero erede
vive in te della Siria. A questo giorno
felice io ti serbai. Se a me non credi,
credi a te stesso, all’indole reale,
al magnanimo cor; credi alla cura
ch’ebbi degli anni tuoi; credi al rifiuto
d'un’offerta corona, e credi a queste,
che m’inondan le gote,
lagrime di piacer.
Alceste. Ma fino ad ora,
signor, perché celarmi
la sorte mia?
Fenicio. Tutto saprai. Concedi
che un momento io respiri. Oppresso il core
dal contento impensato,
niega alla vita il ministero usato.
Giusti dèi, da voi non chiede
altro premio il zelo mio:
coronata ho la mia fede;
non mi resta che morir.
Fato reo, felice sorte
non pavento e non desio;
e l’aspetto della morte
non può farmi impallidir.
(parte, seguito da quelli che portano le insegne reali)
SCENA IX
Alceste e Mitrane.
Ai.ceste. Sogno ? Son desto ?
Mitrane. Il primo segno anch’io
di suddito fedel... (in atto d’inginocchiarsi)