Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/282


276 IX - DEMETRIO
fu questo cria ch’ora è canuto e raro;
e allora, oh età felice!
non con tanto disprezzo
al consiglio de’ saggi
la stolta gioventù porgea l’orecchia.
Declina il mondo, e peggiorando invecchia, (parte)
SCENA IX
Olinto e Barsene.
Olinto. Per appagar la strana
senile austerità, dovremo noi
cominciar dalle fasce a far da eroi?
Barsene, altri pensieri
chiede la nostra età. Dimmi se Olinto
vive più nel tuo core.
Barsene. Eh ! che tu vuoi
deridermi, o signor. Le mie cangiasti
con più beile catene:
alla regina sua cede Barsene.
So che per gioco
mi chiedi amore;
ma poche lagrime,
poco dolore
costa la perdita
d’un infedei.
A un altro oggetto,
che tu non sai,
anch’io l’affetto
finor serbai,
e in si bel foco
vivrò fedel. (parte)