Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/281


ATTO SECONDO 275
un periglioso inciampo
togliendo alla tua gloria.
Cleonice. E chi ti rese
si geloso custode
del mio decoro e della gloria mia?
Avresti mai potuto,
Fenicio, preveder questa sventura?
Il mondo tutto a danno mio congiura.
Nacqui agli affanni in seno;
e dall’infausta cuna
la mia crudel fortuna
venne finor con me.
Perdo la mia costanza,
m’indebolisce amore;
e poi del mio rossore
né meno ho la mercé, (parte)
SCENA Vili
Fenicio, Olinto e Barsene.
Olinto. Signor, di Cleonice
non vidi mai più stravagante ingegno.
Odia in un punto ed ama:
or Alceste dimanda, or lo ricusa;
e delle sue follie poi gli altri accusa.
Fenicio. Cosi la tua sovrana,
temerario, rispetti? Impara almeno
a tacere una volta. Ah! ch’io dispero
di poterlo emendar.
Barsene. Matura il senno
al crescer dell’etade. Olinto ancora
degli anni è su l’april.
F ENICIO. Barsene, anch’io
scorsi l’april degli anni: e folto e biondo