Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/277


ATTO SECONDO 271
che ti vedrà placata:
e vuol morirti al piede,
vittima sventurata
d’un infelice amor, (parte)
SCENA V
Cleonice e Barsene.
BarsENE. Regina, è pronto il foglio. I sensi tuoi
spiega in quello ad Alceste.
Cleonice. Ah ! che in tal guisa
son troppo a lui, son troppo a me crudele.
Voglio vincermi, e voglio
dividerlo da me. L’attende il regno,
l’onor mio Io consiglia, il ciel lo vuole:
10 lo farò. Ma dal mio labbro almeno
vorrei che lo sapesse. È tirannia
annunziar con un foglio
si barbara novella. Altro sollievo
non resta, amica, a due fedeli amanti
costretti a separarsi,
che a vicenda lagnarsi,
che ascoltare a vicenda
d’un lungo amor le tenerezze estreme,
e nell’ultimo addio piangere insieme.
Barsene. Questo è sollievo? Ah! di vedere Alceste
11 desio ti seduce. A tal cimento
non esporti di nuovo. Assai facesti
resistendo una volta. Il frutto perdi
della prima vittoria,
se tenti la seconda. Io te conosco
più debole d’allora,
e ’l nemico è più forte. Eh! la grand’opra
generosa compisci. I tuoi vassalli
fidano in te. Dal superar costante