Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/266


26 o IX - DEMETRIO
SCENA XI
Olinto.
Chi di costui l’oscura
origine ignorasse, ai detti alteri,
di Pelope o d’Alcide
progenie il crederebbe. E pure, ad onta
del rustico natale,
Alceste per Olinto è un gran rivale. :
Che mi giova l'onor della cuna,
se, nel giro di tante vicende,
mi contende — l’acquisto del trono
la fortuna — d’un rozzo pastor?
Cieca diva, non curo il tuo dono,
quando è prezzo d’ingiusto favor, (parte)
SCENA XII
Giardino interno nel palazzo reale.
Cleonice, Barsene, poi Fenicio.
Cleonice. Dunque, perch’io l’adoro,
tutto il mondo ad Alceste oggi è nemico ?
Questo contrasto appunto
più impegna l’amor mio.
Barsene. Ma in questo istante
forse il Consiglio a tuo favor decise.
Che giova innanzi tempo...
Cleonice." Eh! ch’io conosco
dell’invidia il poter. Forse a quest’ora
terminai di regnar; ma non per questo
misera mi farà l’altrui livore.
È un gran regno per me d’AIceste il core.