Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/148

142 vii - artaserse

ATTO TERZO

SCENA I

Parte interna della fortezza, nella quale è ritenuto prigione Arbace. Cancelli in prospetto. Picciola porta a mano destra, per la quale si ascende alla reggia.


Arbace, poi Artaserse.

               Arbace. Perché tarda è mai la morte,
          quando è termine al martir?
          A chi vive in lieta sorte
          è sollecito il morir.
Artaserse. Arbace!
Arbace. Oh dèi, che miro! In questo albergo
di mestizia e d’orror chi mai ti guida?
Artaserse. La pietá, l’amicizia.
Arbace. A funestarti
perché vieni, o signor?
Artaserse. Vengo a salvarti.
Arbace. A salvarmi?
Artaserse. Non piú. Per questa via,
che in solitaria parte
termina della reggia, i passi affretta:
fuggi cauto da questo
in altro regno, e quivi
ramméntati Artaserse, amalo e vivi.
Arbace. Mio re, se reo mi credi,
perché vieni a salvarmi? E, se innocente,
perché debbo fuggir?