Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/121


atto primo 115


Mandane. (Io non spero piú pace.)
Artabano. (Io fingo e tremo.)
Arbace. Tu non mi guardi, o padre? Ogni altro avrei
sofferto accusator senza lagnarmi:
ma che possa accusarmi,
che chieder possa il mio morir colui
che il viver mi donò, m’empie d’orrore
il cor tremante e me l’agghiaccia in seno:
senta pietá del figlio il padre almeno.
Artabano. Non ti son padre,
non mi sei figlio;
pietá non sento
d’un traditor.
Tu sei cagione
del tuo periglio:
tu sei tormento
del genitor. (parte)

SCENA XIII

Arbace, Semira, Mandane, Megabise e guardie.

Arbace. Ma per qual fallo mai
tanto, o barbari dèi, vi sono in ira?
M’ascolti, mi compianga almen Semira.
          Semira. Torna innocente, e poi
     t’ascolterò, se vuoi:
     tutto per te farò.
          Ma, finché reo ti veggio,
     compiangerti non deggio,
     difenderti non so. (parte)