Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/115


atto primo 109

mi svelse dalle labbra
un comando crudel; ma, dato appena,
m’inorridí. Per impedirlo io scorro
sollecito la reggia, e cerco invano
d’Artabano e di Dario.
Mandane. Ecco Artabano.

SCENA IX

Artabano e detti.

Artabano. Signore.
Artaserse. Amico.
Artabano. Io di te cerco.
Artaserse. Ed io
vengo in traccia di te.
Artabano. Forse paventi?
Artaserse. Si, temo...
Artabano. Eh! non temer: tutto è compito.
Artaserse è il mio re; Dario è punito.
Artaserse. Numi!
Mandane. Oh sventura!
Artabano. 11 parricida offerse
incauto il petto alle ferite.
Artaserse. Oh Dio!
Artabano. Tu sospiri? Ubbidito
fu il cenno tuo.
Artaserse. Ma tu dovevi il cenno
pivi saggiamente interpretar.
Mandane. L’orrore,
il pentimento suo
dovevi preveder.
Artaserse. Dovevi alfine
compatire in un figlio,
che perde il genitore,
de’ primi moti un violento ardore.