Apri il menu principale

Wikisource β

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/87


varianti 81


Odi! Giacché al tuo re
qual ossequio tu debba ancor non sai,
innanzi a me non favellar giammai.
Araspe. Ubbidirò.

SCENA III

Selene e detti.

Selene.  Chi sciolse,
barbaro, i lacci tuoi? Tu non rispondi?
Dell’offesa reina il giusto impero
qual folle ardire a disprezzar t’ha mosso?
Parla, Araspe, per lui.
Araspe.  Parlar non posso.
Selene. Parlar non puoi? (Pavento
di nuovo tradimento.) E qual arcano
si nasconde a Selene?
Perché taci così? (ad Araspe)
{{Al|Araspe.}} Tacer conviene.
Iarba. Senti. Voglio appagarti. (a Selene)
Vado apprendendo l'arti
che deve posseder chi s’innamora:
nella scuola d’amor son rozzo ancora.
Selene. L’arte di farsi amare
come apprender mai può chi serba in seno
sì arroganti costumi e sì scortesi?
Iarba. Solo a farmi temer sinora appresi.
Selene. E né pur questo sai: quell’empio core
odio mi desta in seno, e non paura.
Iarba. La debolezza tua ti fa sicura.
               Leon, ch’errando vada
          per la natia contrada,
          se un agnellin rimira,
          non si commove all’ira
          nel generoso cor.
               Ma, se venir si vede
          orrida tigre in faccia,
          l’assale e la minaccia,
          perché sol quella crede
          degna del suo furor. (parte)