Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/83


varianti 77

VARIANTI DELLA PRIMA REDAZIONE

rifiutata dall’autore


ATTO PRIMO

SCENA III

.    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    
Osmida. (Si deluda) O regina,
il cor d’Enea non penetrò Selene.
Ei disse, è ver, che ’l suo dover lo sprona
a lasciar queste sponde:
ma col dover la gelosia nasconde.
Didone. Come?
Osmida.  Fra pochi istanti
dalla reggia de’ mori
.    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    
Didone.  Intendo.
S’inganna Enea; ma piace
l’inganno all’alma mia.
So che nel nostro core
sempre la gelosia figlia è d’amore.
Selene. Anch’io lo so.
Didone.  Ma non lo sai per prova.
Osmida. (Così contro un rival l’altro mi giova.)
Didone. Vanne, amata germana, ecc.

SCENA V

La didascalia iniziale è molto piú breve.