Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/80

74 i - didone abbandonata


Nibbio. No, no, comparazione: in questo sito
una similitudine bastava;
e sa quanto l’udienza rallegrava?
Dorina. (Che sciocco!)
Nibbio.  In un mio dramma io mi ricordo,
dopo una scena simile,
che un’aria mia fu cosí bene accolta,
che la gente gridava: — Un’altra volta! —
Dorina. Me la faccia sentire.
Nibbio. Sì, sì: per lei forse potrá servire.
          «La farfalla, che allo scuro
     va ronzando intorno al muro
     sai che dice a chi l’intende?
     — Chi una fiaccola m’accende,
     chi mi scotta per pietá? —
          Il vascello e la tartana,
     fra scirocco e tramontana,
     con le tavole schiodate
     va sbalzando, — va sparando
     cannonate — in quantitá».
Dorina. (Che poesia curiosa!)
Ella è particolare in ogni cosa.
Nibbio. Piú d’uno me l’ha detto, e dice il vero.
Dorina. Ma del nostro contratto
niente finor si è fatto.
Nibbio.  Anzi è concluso.
Dorina. Come! Se il mio pensiero
non palesai peranco?
Nibbio. Eccole un foglio in bianco
colla mia firma: in esso
stenda pure un processo
di patti e condizioni:
purché venga con me, tutti son buoni.
Dorina. Troppo si fida; esperienza alcuna
di me non ha Vossignoria finora.
Nibbio. Non importa, signora.