Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/73


intermezzi 67


ed è miracolosa
nel divorar biscrome a cento a cento.
Dorina. Dal suo parlar comprendo
che di musica è intesa.
Nibbio.  Io me n’intendo,
però quanto è bastante
per picciol ornamento a un dilettante.
Dorina. Dunque non è dovere
ch’io non abbia a godere il gran vantaggio
di sentirla cantare.
Nibbio. Io l’ubbidisco e non mi fo pregare.
 (cava da saccoccia una cantata)
Dorina. Sará la sua cantata
di qualche illustre autore?
Nibbio. Son d’un suo servitore
e musica e parole.
Dorina. È ancor poeta?
Nibbio.  Anzi questo è il mio forte.
Ho una vena terribile,
tanto che al mio paese
feci quindici drammi in men d’un mese.
Dorina. Bella felicitá! Via! favorisca.
Nibbio. Non è mia professione, e compatisca.
 (va alla spinetta a cantare)
     «Lilla, tiranna amata,
     salamandra infocata,
     all’Etna de’tuoi lumi arder vorrei»...
Noti, questa è per lei.
Dorina.  Grazie le rendo.
(Che testa originale! Io non l’intendo.)
     Nibbio. ...«Fingi meco rigore
     sol per prenderti spasso;
     so c’hai tenero il core,
     bell’ostreca d’amore, e sembri un sasso».
Che ne dice?
Dorina.  È un portento.