Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/61


atto terzo 55


Didone. Non fo poco s’io vivo in tanto affanno.
Va’ tu, cara Selene;
provvedi, ordina, assisti in vece mia:
non lasciarmi, se m’ami, in abbandono.
Selene. Ah, che di te piú sconsolata io sono! (parte)

SCENA XIV

Didone ed Araspe.

Araspe. E tu qui resti ancor? né ti spaventa
l’incendio che s’avanza?
Didone. Perduta ogni speranza,
non conosco timor. Ne’ petti umani
il timore e la speme
nascono in compagnia, muoiono insieme.
Araspe. Il tuo scampo desio. Vederti esposta
a tal rischio mi spiace.
Didone. Araspe, per pietá, lasciami in pace. (Araspe parte)

SCENA XV

Didone, poi Osmida.

Didone. I miei casi infelici
favolose memorie un dí saranno;
e forse diverranno
soggetti miserabili e dolenti
alle tragiche scene i miei tormenti.
Osmida. È perduta ogni speme.
Didone. Cosí presto ritorni?
Osmida.  Invano, oh Dio!
tentai passar dal tuo soggiorno al lido.
Tutta del moro infido