Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/57


atto terzo 51

SCENA VIII

Reggia con veduta della cittá di Cartagine in prospetto, che poi s’incendia.

Didone e poi Osmida.

               Didone. Va crescendo
          il mio tormento;
          io lo sento
          e non l’intendo:
          giusti dèi, che mai sará!
Osmida. Deh, regina, pietá!
Didone.  Che rechi, amico?
Osmida. Ah no, cosí bel nome
non merta un traditore,
d’Enea, di te nemico e del tuo amore.
Didone. Come!
Osmida.  Con la speranza
di posseder Cartago,
m’offersi a Iarba: ei m’accettò; si valse
finor di me; poi per mercé volea
l’empio svenarmi, e mi difese Enea.
Didone. Reo di tanto delitto, hai fronte ancora
di presentarti a me?
Osmida. (s’inginocchia)  Sí, mia regina,
tu vedi un infelice,
che non spera il perdono e nol desia:
chiedo a te per pietá la pena mia.
Didone. Sorgi. Quante sventure!
Misera me, sotto qual astro io nacqui!
Manca ne’ miei piú fidi...