Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/379


varianti 373


               Mentisca pure e finga
          colei che m’arde il seno;
          ché almeno mi lusinga,
          che non mi toglie almeno
          la libertá d’odiarla,
          quando infedel mi fu. (parte)

SCENA XII [XI]

Alessandro con guardie dietro al padiglione e Timagene.

Alessandro. Non condannarmi, amico,
perché mesto mi vedi. Ha il mio dolore
la sua ragion.
Timagene.  Quando il timor non sia
che manchi terra al tuo valore, ogni altra,
perdonami, è leggiera. E quale impresa
dubbia è per te, che hai tanto mondo oppresso
Alessandro. L’impresa, oh Dio! di soggiogar me stesso.
Timagene. Che intendo!
Alessandro.  Alla tua fede
io svelo, o Timagene, il piú geloso
segreto del mio cor. Nol crederai:
ama Alessandro, e del suo cor trionfa
Cleofide giá vinta. Io non so dirti
se combatte per lei
11 genio o la pietá. Senza difesa
so ben che mi trovai
nel momento primier ch’io la mirai.
Timagene. Ella viene.
Alessandro.  Oh cimento!
Timagene.  Eccoti in porto:
Cleofide è tua preda:
puoi domandarle amor.
Alessandro.  Tolgan gli dèi
che vinca amor, che sia
la debolezza mia nota a costei.