Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/357


atto primo 351


qui condusse Erissena?
L’eviterò. S’aspetti,
non veduto, che parta.
 (nell’andare a nascondersi, s’incontra con Alessandro)

SCENA III

Alessandro e detti.

Alessandro, (a Timagene)   Ove t’affretti?
Timagene. Signor..., vado..., attendea... (confuso)
Alessandro.  Che mai?
Timagene.  L’istante
di teco ragionar.
Alessandro.  Parla.
Timagene.  Vorrei...
(Stelle, ove son! Non trovo i detti.)
Alessandro.  Intendo:
solo mi vuoi. Bella Erissena, e dove
dalla real Cleofide lontana
solinga errando vai?
Forse ancor non saprai
ch’ella sará mia sposa
prima che questo sol compisca il giro.
Erissena. Il so pur troppo; e il tuo bel core ammiro.
  (con dispetto, e parte)

SCENA IV

Alessandro e Timagene.

Timagene. (Dèi; che m’avvenne mai! Gelar mi sento;
mi trema il cor.)
Alessandro. (tutto senza sdegno) Siam soli:
ecco l’ora, ecco il loco, ecco Alessandro.
Che pensi, o Timagene? A che d’intorno