Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/311


atto terzo 305

SCENA XII

Fulvia.

Misera! dove son? L’aure del Tebro
son queste ch’io respiro?
Per le strade m’aggiro
di Tebe e d’Argo; o dalle greche sponde,
di tragedie feconde,
vennero a questi lidi
le domestiche furie
della prole di Cadmo e degli Atridi?
Lá d’un monarca ingiusto
l’ingrata crudeltá m’empie d’orrore:
d’un padre traditore
qua la colpa m’agghiaccia;
e lo sposo innocente ho sempre in faccia.
Oh immagini funeste!
oh memorie! oh martiro!
Ed io parlo, infelice, ed io respiro?
          Ah! non son io che parlo,
     è il barbaro dolore,
     che mi divide il core,
     che delirar mi fa.
          Non cura il ciel tiranno
     l’affanno — in cui mi vedo:
     un fulmine gli chiedo,
     e un fulmine non ha. (parte)

SCENA XIII

Campidoglio antico, con popolo.

Massimo senza manto, con séguito; poi Varo.

Massimo. Inorridisci, o Roma:
d’Attila lo spavento, il duce invitto,
il tuo liberator cadde trafitto.