Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/292

286 iv - ezio


          sí, ma quel core è mio;
               (a Valentiniano, accennando Fulvia)
          si, ma tu cedi a me.
               Caro mio bene, addio.
          Perdona a chi ti adora:
          so che t’offesi, allora
          ch’io dubitai di te. (parte con le guardie)

SCENA XIV

Valentiniano, Massimo e Fulvia.

Valentiniano.  Ingratissima donna, e quando mai
io da te meritai questa mercede?
Vedi, amico, qual fede
la tua figlia mi serba?
Massimo.  Indegna! e dove
imparasti a tradir? Cosí del padre
la fedeltade imiti? E quando avesti
questi esempi da me?
Fulvia.  Lasciami in pace,
padre; non irritarmi: è sciolto il freno.
Se m’insulti, dirò...
Massimo.  Taci, o il tuo sangue...
Valentiniano.  Massimo, ferma. Io meglio
vendicarmi saprò. Giacché m’abborre,
giacché le sono odioso,
voglio per tormentarla esserle sposo.
Fulvia. Non lo sperar.
Valentiniano.  Ch’io non lo speri? Infida
Non sai quanto potrò...
Fulvia.  Potrai svenarmi;
ma per farmi temer debole or sei.
Han vinto ogni timore i mali miei