Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/202

196 iii - catone in utica


          come al tuo core
          lascio ancor io
          tutta dell’odio,
          la libertá, (parte)

SCENA VII

Emilia e Fulvio.

Fulvio. Tu vedi, o bella Emilia,
che mia colpa non è, s’oggi di pace
si ritorna a parlar.
Emilia. (Fingiamo.) Assai
Fulvio conosco, e quanto oprasti intesi.
So però con qual zelo
porgesti il foglio, e come
a favor del tiranno
ragionasti a Catone. Io di tua fede
non sospetto perciò. L’arte ravviso
che per giovarmi usasti. Era il tuo fine,
cred’io, d’aggiunger foco al loro sdegno.
Non è cosi?
Fulvio. Puoi dubitarne?
Emilia. (Indegno!)
Fulvio. Ora che pensi?
Emilia. A vendicarmi.
Fulvio. E come?
Emilia. Meditai, ma non scelsi.
Fulvio. Al braccio mio
tu promettesti, il sai, l’onor del colpo.
Emilia. E a chi fidar poss’io
meglio la mia vendetta?
Fulvio. Io ti assicuro
che mancar non saprò.
Emilia. Vedo che senti
delle sventure mie tutto l’affanno.