Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/178

172 iii - catone in utica

SCENA VI

Cesare, Emilia e Fulvio.


Cesare. Tu taci, Emilia? In quel silenzio io spero
un principio di calma.
Emilia. T’inganni: allor ch’io taccio,
medito le vendette.
Fulvio. E non ti plachi
d’un vincitor si generoso a fronte?
Emilia. Io placarmi! Anzi sempre in faccia a lui,
se fosse ancor di mille squadre cinto,
dirò che l’odio e che lo voglio estinto.
               Cesare. Nell’ardire che il seno ti accende,
          cosí bello lo sdegno si rende,
          che in un punto mi desti nel petto
          meraviglia, rispetto e pietá.
               Tu m’insegni con quanta costanza
          si contrasti alla sorte inumana,
          e che sono ad un’alma romana
          nomi ignoti timore e viltá. (parte)

SCENA VII

Emilia e Fulvio.

Emilia. Quanto da te diverso
io ti riveggo, o Fulvio! E chi ti rese
di Cesare seguace, a me nemico?
Fulvio. Allor ch’io servo a Roma,
non son nemico a te. Troppo ho nell’alma
de’ pregi tuoi la bella immago impressa:
e s’io men di rispetto
avessi al tuo direi dolor, che ancora