Apri il menu principale

Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/121


atto primo 115


SCENA XV

Emira, Medarse e Laodice.

Medarse. Avresti mai creduto
in Siroe un traditor?
Laodice. Tanto infedele
lo prevedesti e temerario tanto?
Emira. E qual viltade è questa
d’insultar chi non v’ode? Alfin dovrebbe
piú rispetto Medarse ad un germano,
a un principe Laodice:
non sempre delinquente è un infelice.
Medarse. Che pietá!
Laodice.  Che difesa!
Medarse.  E tu finora
non l’insultasti?
Laodice.  Or qual cagion ti muove
a sdegnarti con noi?
Emira. A me lice insultarlo, e non a voi.
Medarse. Cosí presto ti cangi? Or lo difendi,
or lo vorresti oppresso.
Emira. A voi par ch’io mi cangi, e son l’istesso.
Laodice. L’istesso! Io non t’intendo.
Medarse.  Eh! non produce
sí diversa favella un sol pensiero.
Emira. So che strano vi sembra, e pure è vero.
               Vedeste mai sul prato
          cader la pioggia estiva?
          Talor la rosa avviva
          alla viola appresso:
          figlio del prato istesso
          è l’uno e l’altro fiore,
          ed è l’istesso umore,
          che germogliar li fa.