Apri il menu principale

Pagina:Martini - Trattato di architettura civile e militare, 1841, I.djvu/114

94 catalogo de’ codici

l’opera nulla si dice di Federigo d’Urbino, nulla di questa città e del suo stato, così ne ricavo che Francesco l’avesse compiuta prima che fosse chiamato alla corte de’ Feltreschi, qual gita si è veduto nella vita sua non essere stata anteriore al 1476.

Ho detto che in questo codice I l’ordine tenuto dall’autore è diverso da quello che seguì poi nei codici II e III: ora eccone la distribuzione, avvertendo che distinguonsi i libri dalle loro iniziali ornatissime, e le singole parti di essi pure dalle iniziali, le quali sono meno fregiate.

(f.o 3 r.o) Libro I. Le fortezze: loro piante, alzati, parti e munizioni.

(f.o 7 r.o) Libro II, Parte I. Le città in piano, in monte, su fiume od a mare.

(f.o 8 r.o) Parte II. De’ fiumi: steccaie, rostatoie, ripari e ponti: dello edificare in acqua.

(f.o 10 v.o) Libro III, Parte I. I templi: loro formazione e specie.

(f.o 14 r.o) Parte II. I teatri.

(f.o 14 v.o) Parte III. Le varie ragioni degli ordini e delle parti loro.

(f.o 16 v.o) Parte IV. Delle proporzioni e misure prese dal corpo umano.

(f.o 17 r.o) Parte V. Edifici regi, signorili e privati: di nuovo i templi: modi vari di voltare, di far travature, camini e bagni: fabbriche rurali.

(f.o 24 r.o) Parte VI. Case private alla greca: materiali pel fabbricare: de’ barchi principeschi: de’ porti, delle cisterne e varie condotture d’acque.

(f.o 27 v.o) Libro IV. Trattato di geometria, e del misurare le distanze e profondità. (f.o 33 r.o) Libro V. Molini.

(f.o 40 v.o) Libro VI. Delle acque potabili, del trovarle e condurle.

(f.o 43 r.o) Libro VII. De’ metalli e delle miniere, delle maniche e fucine.

(f.o 45 r.o) Libro VIII. Del fare le fontane e le conche sui navigli: macchine varie idrauliche: altre macchine per alzare e trasportare pesi.

    architetto ho già detto che fu Bernardo di Lorenzo fiorentino, e soprastante lo scrittore apostolico Francesco dal Borgo S. Sepolcro da Gasparo Veronese innalzato al grado di architetto (De gestis Pauli II apud R. I. S., vol. III, pars II, col. 1041 e 1046).