Pagina:Marino Poesie varie (1913).djvu/96

84 parte seconda

XVIII


LITE DEGLI OCCHI E DELLA BOCCA


     Avean lite di pregio e di bellezza,
in quel volto gentil, gli occhi e la bocca.
— Da noi — gli occhi dicean — primier si scocca
l’acuto stral, ch’ogni diamante spezza. —
     La bocca poi: — Da me l’alta dolcezza
del parlar, del baciar piove e trabocca. —
Allor gli occhi, piangendo: — E da noi fiocca
di vive perle oriental ricchezza. —
     Rise la bocca, e, disserrando quelle
porte d’un bel rubino in duo diviso,
disse ridente a l’umidette stelle:
     — Or sia giudice Amor, dove il bel viso
discopra al paragon perle piú belle:
ne le lagrime vostre o nel mio riso? —


XIX


LE PAROLE


     Con vivi lampi di celeste riso,
de’ discordanti e torbidi elementi
le risse e i moti a tranquillar possenti,
con lieta bocca e con sereno viso,
     con labro d’un rubino in duo diviso,
che scopre ad ora ad or perle lucenti,
con dolce lingua e con melati accenti,
che senton d’armonia di paradiso,
     con pronto ingegno, ond’altrui l’alma è tolta,
con puro affetto di modesto ardore,
con chiaro suono e voce a tempo sciolta,
     con sospir rotti e spiriti d’amore
Lilla ragiona. Anima afflitta, ascolta.
Oh che felice perdita di core!