Pagina:Marino Poesie varie (1913).djvu/47


canzoni e madrigali amorosi 35

quando a l’aure tranquille
odor soave spira,
allor dolce d’amor piagne e sospira.
     Ma, di se stessa altera,
acciò ch’ardita mano
tenti rapirla invano,
rigidetta e severa,
in grembo a primavera,
contro i nemici e i vaghi
s’arma in difesa sua di punte e d’aghi.
     Rose, rose beate,
lascivette figliuole
de la Terra e del Sole,
le dolcezze odorate,
che dal grembo spirate,
ponno quel tutto in noi,
che ’l Sol, che l’aura e che la pioggia in voi.

MOPSO


     Giá imbruna le contrade
il Sol, che cede e langue,
e seco a un tempo essangue
langue la rosa e cade.
O di umana beltade
gloria caduca e leve,
o diletto mortal, come se’ breve!