Pagina:Marino Poesie varie (1913).djvu/406

394 parte nona

V


IL CANTO DEL MURTOLA


     Liete piagge fiorite, ombrose valli,
apriche collinette, aure feconde,
erbette rugiadose e verdi fronde,
bianchi fiori, vermigli, azzurri e gialli;
     e voi, del Barco tortuosi calli,
dove Flora con Zeffiro s’asconde,
e voi de la mia Dora amene sponde,
che ’n sen chiudete liquidi cristalli;
     or che ’l maggio comincia a pullulare,
e ’n frotta con gli augei per allegrezza
l’animal di Silen prende a cantare;
     dite: — Sentiste mai senza cavezza
dietro a la Mincia un asino ragliare,
ch’al Murtola s’agguagli di dolcezza? —


VI


CONTRO LO STESSO


     Murtola, tu ti stilli e ti lambicchi
quel cervellaccio da giocar a scacchi,
e da far orioli ed almanacchi;
e ti sprucchi, collepoli e rincricchi.
     Ma, mentre in tutti i buchi il naso ficchi,
e con tuoi versi tutto ’l mondo stracchi,
ognun t’appende dietro i tricchi tracchi,
e ti manda a la forca che t’appicchi.
     O grande archimandrita degli allocchi,
o supremo archifanfano de’ cucchi,
o burbucione, o matto da tarocchi;
     e non ti accorgi omai che tu ci hai secchi?
Vattene ad abitor tra’ mamalucchi,
o farai meglio a conversar coi becchi!