Pagina:Marino Poesie varie (1913).djvu/325


versi di occasione 313

LIX


IN MORTE

di Giambattista Guarini.

(1612)


     «Pan, dio de’ boschi, è morto!». Aure serene,
portate intorno il doloroso grido,
qual di Naupatto in su l’estremo lido
udìro giá le solitarie arene.
     Vedova Arcadia ed orfano Ippocrene,
afflitta patria e sconsolato nido,
fate il vostro Pastor pregiato e fido
pianger le selve ed ulular le scene.
     Sfrondate i lauri, o boscherecci numi,
e la sampogna, ch’emulò la tromba,
penda tacita omai tra spine e dumi.
     O dica sol, se mai talor rimbomba:
— Guarin, ti die’ la culla il re de’ fiumi,
la reina del mar ti dá la tomba. —