Pagina:Marino Poesie varie (1913).djvu/321


versi di occasione 309

LII


A CARLO EMMANUELE

duca di Savoia.

(c. 1608)


     O se mai (come spero e come parmi
veder, signor) quel ribellante infido,
c’ha sul lago Leman refugio e nido,
fulminato cadrá per le vostr’armi,
     fien mal capaci a contenere i marmi
il vostro nome in ogni stranio lido;
del valor vostro il glorioso grido
fien mal possenti a sostenere i carmi.
     Ed io, se ben non deve i raggi vostri
fosca penna adombrar, né ben si serra
opra sí chiara in tenebrosi inchiostri,
     scriverò pur: «Duo gran campioni in guerra
da l’aquilon precipitâro i mostri:
Michele in cielo, Emanuello in terra».


LIII


ALLO STESSO

pel suo giorno natale.


     Tonate, o bronzi concavi e sonori,
e salutate da l’eccelsa ròcca,
con lingua ardente e con ferrata bocca,
del gran Sol di Savoia i lieti albori.
     La nera gola e ’l cupo sen, che fuori
con orribile scoppio aventa e scocca
tempeste, onde mortal grandine fiocca,
vomiti fumi e partorisca ardori.
     Voli in rapidi globi il piombo greve,
e le fiamme festive intorno sparte
stemprin de l’Alpi la tenace neve;
     ch’onorar d’altra guisa, o con altr’arte
che con fulmini e foco, altri non deve
colui, che è foco e fulmine di Marte.