Pagina:Marino Poesie varie (1913).djvu/316

304 parte sesta

XLIII


A TOMASO PECCI

gentiluomo e compositore senese,

che aveva messo in musica la Canzone de’ baci.

(1601)


     Quelle de’ miei piacer dolci e lascivi,
ma di piacer, ma di dolcezza vòte,
e di vitali baci impresse note,
baci però di vita indegni e privi;
     or tu, fatte soavi, orni ed avivi,
Pecci, e concento a le celesti rote
egual ne traggi, ed armonia, che pote
dar le piante a le piante e tôrle ai rivi.
     Malgrado omai del tempo e de l’oblio,
spero, vivrá, se ben morrá lo stile,
immortal nel tuo canto il canto mio.
     Tal suole, in licor dolce, amaro e vile
frutto addolcirsi, e tal rozza vid’io
pianta innestarsi, e divenir gentile.


XLIV


NEL GIUNGERE A FIORENZA

(1601)


     Pace a voi, liete piagge, aure ridenti
d’Etruria bella! I’ ti saluto, o caro
Arno gentil, cui d’ogni grazia ornâro
tutte a prova le stelle e gli elementi.
     Ecco, pur di te gli occhi a far contenti
mi guida il ciel, dopo tant’anni avaro;
di te, per si chiar’alme assai piú chiaro
che per le tue sí pure acque lucenti.
     Di te nacque quel buon, ch’arse fenice
di nobil fiamma, e dal tuo sen fecondo
l’un e l’altro cantor di Laura e Bice.
     Fiume giá non dirò, ch’al mar secondo
non sei, ma piú del mar degno e felice:
quel solo un Sol, tu tre n’apristi al mondo.