Pagina:Marino Poesie varie (1913).djvu/291


versi di occasione 279

io caddi, e giaccio insin che a te non torni,
ed odio il sol, che, senza i raggi tuoi,
che poss’io piú veder, che non m’annoi?
     Misero e folle è ben chi la sua speme
ferma in te, mondo instabile e fallace,
ch’a le gioie l’angosce hai sí vicine.
Ahi, con che lieve piè van l’ore estreme
dietro a le prime, e rapida e fugace
scende la vita al suo prescritto fine!
Ché, se pur vien che ’l cielo a noi destine
ombra di ben, vien tardi e tosto fugge,
e, quasi nebbia al sol, ratto si strugge.
I’ sperava, i’ credea passar contento
teco questa, per te giá lieta, or mesta
vita, se vita è questa
ov’han morte i mortali ogni momento,
ov’ognor l’alma immortalmente mòre:
quand’ecco ogni mio ben di man m’è tolto,
ed ogni mio diletto estinto è teco;
né so di tanti danni altro che meco
lagnarmi sempre, e, ’nver’ le stelle il volto
fiso, sfogando l’angoscioso core,
chiamar con alte strida a tutte l’ore
quanto benigno il ciel, cruda la sorte,
quanto larga natura, avara morte.
     Ben mi sovien, quando spedite e lievi
spiegò primier da queste valli oscure
al ciel lo spirto tuo l’ale volanti;
ch’al dolce letto intorno, ove giacevi,
con sei consorti miei, con sei fatture
de le viscere tue, pegni tremanti,
turba inferma, mendíca e nata ai pianti,
i’ t’era a piè. Tu, con pietoso affetto,
me fra le braccia ti stringevi al petto:
fra quelle braccia ed a quel petto in cui
sí spesso in fasce riposando io giacqui,