Pagina:Marino Poesie varie (1913).djvu/264

252 parte quinta

IV


EUCLIDE


     Del compasso geometrico le piante
per sentier immortal ressi in maniera,
che l’un piede appoggiai saldo e costante
sul punto fisso de la gloria vera,
con l’altro in giro mobile rotante
e dilatato in spaziosa sfera,
tirando al nome mio linea infinita,
venni un cerchio a formar d’eterna vita.


V


LUCREZIA ROMANA


     Lucrezia, s’a l’adultero romano
cedi senza contrasto,
loda di nome casto
da giusta morte ingiustamente chiedi.
Se sforzata gli cedi,
qual follia, col morire,
portar la pena de l’altrui fallire!
Invano, dunque, invano,
morendo aspiri ad immortali onori,
ch’o scelerata o forsennata mori.


VI


LA STESSA


     Donna, a torto ti die’ l’etate antica
titolo di pudica;
ché, se quel sen piagasti
che fu d’osceno amor sozzo ricetto.