Pagina:Marino, Giambattista – Adone, Vol. II, 1977 – BEIC 1871053.djvu/797


china la fronte, e con lo sguardo a terra (china la fronte, con lo sguardo a terra)

[Vili 12, 1];

secretane le valli, e le montagne (secretane le valli, le montagne)

[Vili 106, 7];

bolini, e lime, e circini, e quadranti (bolini e lime, circini e quadranti)

[X 119, 3];

il dolce e signoril lume fecondo (il dolce signoril lume fecondo)

[XI 9, 4];

ma la ragion, che ’ntende, e che discorre (ma la ragion, che ’ntende, che discorre)

[XI 196, 5];

spoglia le selve, disonora i prati (spoglia le selve, e disonora i prati)

[XII 39. 5];

pregando, amando, e lagrimando ahi folle (pregando, amando, lagrimando ahi folle)

[XIII 27, 1];

oh che riso, oh che giubilo, oh che festa (oh che riso, oh che giubilo, che festa)

[XIII 195, 1];

adunchi raffi, e pali acuti e sodi (adunchi raffi, pali acuti e sodi)

[XIV 16, 3];

vie piú vili, e piú frali onori e fasti (vie piú vili, piú frali onori e fasti)

[XIV 267, 2];

ha quattro linee illustri, e principali (ha quattro linee illustri principali)

[XV 43. 3];

regni sempre, e trionfi, e voli, e vivi (regni sempre, trionfi, e voli, e vivi)

[XV 64, 8];

in capo a Vampie e spaziose navi (in capo a l ’ampie spaziose navi)

[XVI 54. 1];

che la plebe a raccòrlo intenta e fissa (che la plebe a raccòrlo intenta fissa)

[XVI 255, 7 ];

0 Morte, 0 de l’Inferno Arpia rapace [Morte, 0 de l’Inferno Arpia rapace)

[XVIII 181, 1]

Felice e te, che ripiegata in arco (Felice le, che ripiegata in arco)

[XIX 189, I];

che tra l’Asia e l’Europa è porta, e chiave (che tra l’Asia e l’Europa è porta, chiave)

[XIX 254, 6 ];

spiana in campagne, e poi gli abbassa in valli (spiana in campagne, poi gli abbassa in valli)

[XIX 277. 8 ];

i custodi de’ prati, e degli arbusti (i custodi de’ prati, degli arbusti)

[XIX 376 . 3];

quegl’ infelici e miseri, ch’oppressi (quegl ’infelici miseri, ch’oppressi)

[XX 495 , 1].

Una sola volta (non senza titubanze) ci siamo convinti ad accogliere la proposta di V. Quando (XIV 130, 4) il fero Orgonte, uccisa per sbaglio