Pagina:Marino, Giambattista – Adone, Vol. II, 1977 – BEIC 1871053.djvu/635



23.— La Dea del terzo Cielo in rimembranza
del morto Adon, c’ha tanto amato in vita,
de’ sacri onori la pietosa usanza
per tre giorni continui ha stabilita.
Oggi, ch’è il primo, a l’arco ed a la danza
con bella pugna i concorrenti invita.
Negli altri duo vuol che si venga in mostra
a la lotta, a la scherma, ed a la giostra.

24.Ben fian de la vittoria i pregi tali
che non saranno invan sparsi i sudori,
né poveri di palme trionfali
invidia avranno i vinti ai vincitori.
Chiunque in guisa indrizzerá gli strali
che riporti in colpire i primi onori,
o per valore, o per Fortuna avegna,
ricompensa de l’opra avrá ben degna.

25.Quella faretra avrá che colá pende
e di sagrí vermiglio ha l’ornamento,
con quell’arco di bosso, a cui risplende
l’un capo e l’altro di polito argento.
Chi piú vicino al primo il segno offende
d’un nobil dardo rimarrá contento.
D’ebeno è l’asta, e ’l ferro è di tai tempre
che qualvolta ferisce, uccide sempre.

26.Barassi al terzo d’immortale alloro,
degna non pur d’Arcier, ma di Poeta,
ghirlanda, che le fronde ha messe ad oro,
attorta a un cordoncel di verde seta.
Pia poscia di colui ch’avrá tra loro
l’ultimo grado in accertar la meta
spiedo di duro e noderoso cerro,
ch’arma la punta di lucente ferro. —