Pagina:Marino, Giambattista – Adone, Vol. I, 1975 – BEIC 1869702.djvu/344



87.La servía, la seguia fuor di speranza
con sospir caldi e con preghiere spesse;
e perché, come pien d’alta arroganza,
pensava di poter quanto volesse,
ragionandole un dí prese baldanza
di farle troppo prodighe promesse.
Tutto l’offri ciò che bramasse al mondo
dal sommo giro al baratro profondo.

88.«Poi che tanto» diss’ella «osi e presumi,
voglio accettar la tua cortese offerta,
e del foco ond’avampi e ti consumi
giovami di veder prova piú certa.
Recami alquanti de’ celesti lumi,
se vuoi pur eh’ad amarti io mi converta.
Se servigio vuoi far, che mi contenti,
de le stelle del Cielo aver convienti.

89.Grande impresa ha ben quel ch’io ti cheggio,
non difficile a te, s’ardir n’avrai,
poi che presso a colui tieni il tuo seggio
che le raccende con gli aurati rai.
Qualora scintillar lassú le veggio
di tanta luce io mi compiaccio assai;
e bramo alcuna in mano aver di loro
sol per saper, se son di foco, o d’oro».

90.O volesse fuggir con questa scusa
quell’assalto importun ch’egli le diede,
o forse, per non esserne delusa,
esperienza far de la sua fede,
o perché pur la femina è sempr’usa
ingorda a desiar ciò ch’ella vede,
ed indiscreta altrui prega e comanda,
e le cose impossibili dimanda: