Pagina:Marino, Giambattista – Adone, Vol. I, 1975 – BEIC 1869702.djvu/321


ALLEGORIA

Sotto la figura del Giardino ci vien rappresentato il Piacere. Nelle cinque porte si sottointendono i cinque sentimenti del corpo. Nel cristallo e nel zaffiro della prima Porta si significa la materia dell’occhio, ch’è l’organo della vista. Nel cedro della seconda il senso dell’odorato. Nella favoletta del Pavone si dinota la maravigliosa labrica del fermamente. Ama la Colomba, perciò che, sí come in effetto questi due uccelli (secondo i Naturali) si amano insieme, cosí tutte le luci superiori sono mosse e regolate dal divino amore. È trasformato da Giove, perché dal sommo artefice Iddio ebbe quello (come ogni altro Cielo) la materia e la forma. Fingesi servo d’Apollo, e da lui gli sono adornate le penne della varietá di tanti occhi, per essere il Sole vivo fonte originale di tutta la luce, che poi si communica alle stelle. Ne’ diversi oggetti, passatempi e trattenimenti piacevoli si adombrano le voluttá sensuali.